Zanotti Bianco e gli asili in Aspromonte

A cura della redazione de “L’Altro Aspromonte”

La storia degli asili calabresi realizzati dopo il terremoto grazie all’impegno di Umberto Zanotti Bianco è molto bella e sull’argomento abbiamo reperito numeroso e prezioso materiale fotografico.
Il primo sorse a Melicuccà nel 1911 e proprio per questo asilo, Leopoldo Franchetti, allora presidente dell’ANIMI in una lettera del 20 dicembre 1910 incaricò direttamente Maria Montessori, figura centrale nella storia della pedagogia, di scegliere alcune maestre formate al suo metodo, invitandole a venire a lavorare in Calabria.
La baracca di Villa S. Giovanni costruita per i terremotati, assegnata all’ANIMI, venne invece scelta da Umberto Zanotti-Bianco e il gruppo da lui coinvolto, per sistemarsi e pianificare i primi interventi da realizzare nei comuni della Provincia.
Lo ricorderà con commozione tre anni prima della sua morte nel racconto dell’avventura dell’ANIMI (AA.VV., L’Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia nei suoi primi cinquant’anni di vita, Roma, Collezione Meridionale Editrice, 1960).
Scrive Zanotti-Bianco: <<In quella baracca, ove, per dormire, eravamo stati costretti a costruire l’una sull’altra tante cuccette in cui ci issavamo aiutandoci a vicenda, passammo un periodo di intenso fervore. Sciamavamo all’alba diretti in tutte le direzioni: chi verso un comune montano che ci aveva chiesto una biblioteca; chi per iniziare le trattative per la gestione di un asilo costruito da un comitato di soccorso e rimasto abbandonato; chi verso Reggio per interrogare un ispettore scolastico sulle condizioni delle scuole della sua circoscrizione; chi per radunare in un paese della costa i pescatori e indurli ad unirsi in una cooperativa illustrandone i vantaggi. E la sera, stanchi, ma intimamente lieti, ci raccontavamo le nostre avventure seduti davanti alla baracca […].
Stanchi, perché la tenuità del nostro bilancio non ci permetteva, oltre l’abbonamento ferroviario, di procurarci vetture per penetrare nell’interno della provincia>>
L’asilo di Melicuccà aperto nel febbraio del 1911 ebbe in assegnazione le prime due maestre laiche, con patente per le scuole materne, introdotte nella provincia di Reggio Calabria. Era per quei tempi una piccola rivoluzione ed infatti i problemi non mancarono.
Passammo poi – scrive Zanotti Bianco – “all’asilo o casa dei bambini di Bruzzano Zeffirio costruito in muratura, con una grande aula e due stanzette per una maestra, dal comitato veneto-trentino: anche esso da noi arredato e poté essere pronto nell’autunno dell‟11”.
A Villa S. Giovanni invece quello avviato nel 1914 fu diretto da “tre maestre laiche patentate”.
Le realizzazioni furono tante, seguite con cura una per una.

  • Le informazioni di cui sopra sono tratte da un lavoro di Dottorato del 2009 (dott. Fabio Stizzo) su “Mezzogiorno e questione educativa” reperibile sul internet sito UNICAL.
  • Le immagini sono tratte dall’Archivio dell’ANIMI e da alcuni volumi di seguito indicati
    Serpe Brunella, La Calabria e l’opera dell’ANIMI. Per una storia dell’istruzione in Calabria, Ionia 2004; Alfredo Vadalà, Gli interventi dell’ANIMI nel Comune di Santo Stefano in Aspromonte, Iiriti 2022; Alfredo Focà, Umberto Zanotti Bianco in Aspromonte, Iiriti 2023; Sergio Zoppi, Umberto Zanotti Bianco. Patriota, educatore, meridionalista: il suo progetto e il nostro tempo, Rubbettino 2009
  • Sulla figura di Umberto Zanotti Bianco clicca quì
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *