cartografia

La cartografia storica continua a rappresentare una fonte importante per la conoscenza dei luoghi. Ognuno di essi può svelare episodi di vita passata, curiosità, pratiche agricole e tanto altro. La cartografia poi, supportata da strumenti digitali, diviene un potente ausilio. In tal modo e grazie alla collaborazione di amici esperti potete consultare alcuni database e mi auguro anche collaborare al loro aggiornamento.

In questo database trovate immobili che svolgono o potrebbero svolgere la funzione di rifugio. Gran parte di essi sono caselli realizzati in quasi un secolo dall’Azienda per le Foreste della Regione Calabria ma è segnalata anche qualche struttura privata o di Comuni. Le tipologie vanno dall’edificio in cemento armato a più piani al piccolo bivacco in legno. Lo stato di conservazione è da rudere a ben tenuto. L’indagine iniziale è stata realizzata nel 2006 dal CAI sezione Aspromonte https://www.laltroaspromonte.it/portfolio-articoli/guida-ai-caselli-forestali-della-provincia-di-reggio-calabria/ e poi da me e altri in parte aggiornata e integrata. Sempre nel libro, al capitolo “Metodologia di indagine”, viene esplicitato come poter interpretare le informazioni riportate nel database. Data la mole di dati alcune informazioni potrebbero non essere più attuali. È consigliabile pertanto verificarle, soprattutto se vorrete utilizzare qualche struttura. L’intento principale di tale operazione, infatti, è rendere evidente un patrimonio che non è stato valorizzato ed anzi in buona parte si sta degradando.

I toponimi sono le tracce, le impronte che l’uomo ha lasciato sul territorio e nell’Aspromonte greco sono una fonte importante per conoscere la storia della nostra montagna.
Il significato delle parole che denomina una contrada, un monte, una valle può essere ovvio (Montalto, Acquafredda, ecc.) ma alcune volte l’etimologia è oscura e interpretarla richiede impegno, competenza, tenacia. Tuttavia, può nascondere piccoli tesori che aprono spiragli di luce sul passato, sulla vita di chi ha popolato quei luoghi.
Nel 2020 ho iniziato a occuparmi dell’area grecanica studiando 298 toponimi di Roghudi e l’anno dopo 185 toponimi di Roccaforte del Greco.
Le fonti dalle quali li ho raccolto sono cartografiche (carte IGM scala 1:25.000; Carta Tecnica regionale scala 1: 10.000 e altre) e orali (anziani dell’area intervistati da me, da Antonio Trapani, da Rita Crisarà).
La georeferenziazione dei toponimi non sempre può essere precisa. Per ognuno viene proposta, se conosciuta, l’etimologia e, per quelli più controversi, una sigla indica la fonte alla quale si è fatto riferimento. Alcuni sono descritti da foto ma capirete come non sia semplice fotografare in modo puntuale quasi 500 località. Nonostante i limiti della ricerca ritengo sia stato importante quantomeno aver salvato dall’oblio diversi toponimi. Queste informazioni si hanno cliccando sul simbolo che identifica il toponimo.
Preziosa è stata la collaborazione di diversi studiosi e in particolare dei giovani dell’Associazione Jalò tu Vua. Ringrazio tutti e in particolare il dottore forestale Francesco Manti per l’indispensabile supporto informatico.
Oltremodo utile sarebbe se a questa mia ricerca si unissero guide, escursionisti, appassionati locali, studiosi: ogni collaborazione è gradita. Con l’intento di proseguire la ricerca estendendola agli altri comuni dell’area grecanica e non solo.

Elenco delle FONTI e delle ABBREVIAZIONI

FONTI
C = Filippo Condemi, La lingua della valle dell’Ammendolea. Vocabolario fraseologico, Edizioni Ellenofoni di Calabria, Reggio Calabria 2006
Ca = Ferruccio Calonghi, Dizionario della lingua latina, vol. I, Latino-italiano, Rosemberg & Sellier, Torino, 1951
Cr = Rita Crisarà, Lessico toponomastico reggino (A-B-C), Tip. Barcella, Reggio Cal 1983
JTV = gruppo di giovani esperti formatisi all’interno dell’Associazione Jalò tu Vua
G = app Glossa greka 2016
GP = Giuseppe Pensabene, in Cognomi e Toponimi in Calabria, 1997
K = Anastasis Karanastasis, Istorikòn Lexicòn ton Ellinikòn Idiomàton tis Kato Italìas (Dizionario storico degli idiomi greci dell’Italia meridionale), 5 volumi, Accademia d’Atene, Atene 1984-1992
R = Lorenzo Rocci, Vocabolario Greco-Italiano, Seconda edizione riveduta, Lapi, Città di Castello, 1941
Rhc = Gerhard Rohlfs, Dizionario dei cognomi e soprannomi in Calabria, Longo Editore, Ravenna 1979
Rhd = Gerhard Rohlfs, Nuovo Dizionario dialettale della Calabria, Longo Editore, Ravenna 1977
Rhl = Gerhard Rohlfs, Lexicon Graecanicum Italiae Inferioris, Max Niemeyer , Tübingen 1964
Rht = Gerhard Rohlfs, Dizionario toponomastico e onomastico della Calabria, Longo Editore, Ravenna 1974
S = Salvino Nucera
Sp = Giovanni Spampinato et al, I fitotoponimi della Calabria meridionale: uno strumento per l’analisi del paesaggio e delle sue trasformazioni, in Atti Soc. Tosc. Sci. Nat., Mem., Serie B, 124 (2017)
T = Tito Squillace
V = Violi Filippo, Vocabolario Grecanico-Italiano/Italiano-Grecanico, Seconda Edizione, Bova 2007

ABBREVIAZIONI
agg = aggettivo
ar = dall’arabo
dim = diminutivo
gr = dal greco
gr med = dal greco medievale
lat = dal latino
prob = probabilmente

Quella che descriviamo è una proposta di route in Aspromonte per scout. Il percorso è stato rodato da Gruppi scout reggini ed elaborato in base alla conoscenza del territorio di Alfonso Picone Chiodo e Francesco Manti.
Grande cura e massima attenzione sono state poste, nel redigere questa proposta, per garantire l’attendibilità e l’accuratezza delle informazioni. Tuttavia, i dati possono presentare errori di aggiornamento o di georeferenziazione. Si declina quindi ogni responsabilità per eventuali variazioni successive alla rilevazione dei dati e in ordine ad eventi dannosi che possano derivare dall’utilizzo delle informazioni fornite. Prima di intraprendere la route è quindi necessario informarsi sull’accessibilità, munirsi di una carta dettagliata e osservare norme, divieti e regolamenti in merito alla fruizione dei siti.
Oltre alle info fornite di seguito, potete avere gratuitamente le tracce in formato gpx, kml, shp e le carte del percorso facendone richiesta tramite https://www.laltroaspromonte.it/contatti/
Cartografia dettagliata, descrizione (testo e foto) delle tappe sono al link https://www.laltroaspromonte.it/2022/03/24/route-scout-in-aspromonte/
Ringraziamo quanti vorranno segnalarci eventuali variazioni o inesattezze.

La ruote prevede 4 tappe fattibili ognuna in giornata. Considerando il viaggio sono necessari 5 o 6 giorni, secondo gli orari dei trasporti e la località di provenienza.
Il percorso è ad anello, con partenza e ritorno a Gambarie (raggiungibile con autobus da Reggio Calabria o anche dalla base scout Aspromonte). La segnaletica di alcuni sentieri, con segnavia rosso-bianco-rosso e cartelli, è a cura del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Sulla cartografia vengono indicati in rosso i tratti su asfalto. Di questi tratti alcuni sono obbligatori, altri sono alternativi ai sentieri.
Volutamente non vengono indicati i tempi dato che, per gli scout, sono estremamente variabili in base ad allenamento, peso dello zaino, necessità di soste per attività varie, ecc. Sono però specificati km e dislivelli.
Nel caso si voglia abbreviare il percorso di una tappa lo si può fare dai Piani di Carmelia salendo col sentiero 102 al Montalto senza passare da Polsi.
Per informazioni: Autolinee http://www.atam.rc.it/
Base scout Aspromonte http://www.masci-rc4.it/baseaspromonte/
Parco Nazionale Aspromonte http://www.parconazionaleaspromonte.it
Sull’Aspromonte in generale https://www.laltroaspromonte.it/
Santuario della Madonna della Montagna di Polsi http://www.madonnadellamontagna.it/contatti/

Il libro “Passi”, https://www.laltroaspromonte.it/portfolio-articoli/passi/ redatto con l’arch. Sebastiano Maria Venoso, mette insieme, tramite 20 itinerari, monumenti e luoghi della provincia di Reggio Calabria descritti in base alle loro peculiarità naturalistiche, storiche, religiose, etnoantropologiche con riguardo anche alle norme di protezione e alle schede di Rete Natura 2000.
Il libro non ha una cartografia specifica ma cerco di colmare la lacuna con questa mappa dove sono ubicati i monumenti/siti descritti nei 20 percorsi. Aprendo la scheda dell’itinerario sono visibili le pagine relative tratte dal libro.
Natura 2000 è il principale strumento della politica dell’Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell’Unione, istituita ai sensi della Direttiva 92/43/CEE “Habitat” per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario.
La rete Natura 2000 è costituita dai Siti di Interesse Comunitario (SIC), identificati dagli Stati Membri secondo la Direttiva Habitat, che vengono successivamente designati quali Zone Speciali di Conservazione (ZSC), e comprende anche le Zone di Protezione Speciale (ZPS) istituite ai sensi della Direttiva 2009/147/CE “Uccelli” concernente la conservazione degli uccelli selvatici.

La ruote prevede 4 tappe fattibili ognuna in giornata. Considerando il viaggio sono necessari 5 o 6 giorni, secondo gli orari dei trasporti e la località di provenienza.
Il percorso è ad anello, con partenza e ritorno a Gambarie (raggiungibile con autobus da Reggio Calabria o anche dalla base scout Aspromonte). La segnaletica di alcuni sentieri, con segnavia rosso-bianco-rosso e cartelli, è a cura del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Sulla cartografia vengono indicati in rosso i tratti su asfalto. Di questi tratti alcuni sono obbligatori, altri sono alternativi ai sentieri.
Volutamente non vengono indicati i tempi dato che, per gli scout, sono estremamente variabili in base ad allenamento, peso dello zaino, necessità di soste per attività varie, ecc. Sono però specificati km e dislivelli.
Nel caso si voglia abbreviare il percorso di una tappa lo si può fare dai Piani di Carmelia salendo col sentiero 102 al Montalto senza passare da Polsi.
Per informazioni: Autolinee http://www.atam.rc.it/
Base scout Aspromonte http://www.masci-rc4.it/baseaspromonte/
Parco Nazionale Aspromonte http://www.parconazionaleaspromonte.it
Sull’Aspromonte in generale https://www.laltroaspromonte.it/

in costruzione…

CONDIZIONI PER L’USO DEI DATI

Grande cura e massima attenzione sono state poste nel rilevare le informazioni riportate nella cartografia. Tuttavia, i dati possono presentare errori di aggiornamento o di georeferenziazione. Si declina quindi ogni responsabilità per eventuali variazioni successive alla rilevazione dei dati e in ordine ad eventi dannosi che possano derivare dall’utilizzo delle informazioni riportate nelle pagine del sito. L’utilizzatore dovrà pertanto informarsi preventivamente sulle condizioni dei luoghi e dovrà osservare norme, divieti e regolamenti in merito all’accessibilità ed alla fruizione dei siti. Invitiamo tutti i frequentatori della montagna a contribuire all’aggiornamento fornendo informazioni tramite https://www.laltroaspromonte.it/contatti/

NOTA BENE
Accedendo all’area “cartografia” dichiari di aver letto e accetti le condizioni sopra riportate.