L’Aspromonte è una montagna “fotogenica”, vale a dire si presta a mille letture e quindi rappresentazioni fotografiche. Vi offro pertanto lo sguardo di Maurizio Polimeni, amico col quale ho condiviso i  primi passi scoutistici in Aspromonte.
Bancario di professione, è nato e vive a Reggio Calabria la città che ama, nonostante tutto. Scopre per caso la passione della scrittura con cui si afferma in diversi concorsi letterari per racconti, narrando storie brevi di impronta “gialla” (anche sui Gialli Mondadori n.1389 e 1396) e di delitti, ma anche della magia e del fascino della propria terra.
È sempre stato affascinato anche dalla fotografia di cui si considera un “dilettante appassionato” e, oltre alle foto di eventi sportivi delle squadre di calcio e di basket della sua città, ama ritrarre la natura, i colori e i volti delle terre d’Aspromonte. Vincitore nel 2017 del Concorso del Borgo di Gallicianò del 2017–sezione fotografia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.